Acquacoltura integrata: produrre nel rispetto dell’ambiente

Previous Next

Laboratori e seminari ad Oristano con il progetto Lab Boat: la scienza a bordo di una barca a vela.

Di fronte ad una popolazione mondiale in continuo aumento, la domanda di prodotti ittici è destinata a crescere e a pesare sulle risorse naturali, sempre più vincolate dai limiti imposti dagli ecosistemi. L’acquacoltura può contribuire a soddisfare la domanda crescente di prodotti ittici e rappresenta un rilevante motore economico, nonché un’importante opportunità occupazionale.

Nel 2014, per la prima volta, la produzione mondiale da acquacoltura ha superato quella da pesca, le cui catture dalle popolazioni selvatiche sono rimaste relativamente statiche dalla fine degli anni '80.

Tuttavia, l’acquacoltura è chiamata oggi ad affrontare nuove sfide perché possa continuare a crescere e a svilupparsi nell’ottica della sostenibilità dei processi produttivi e la ricerca ha un ruolo cruciale nel guidare lo sviluppo sostenibile di questo settore. Proprio in quest’ottica, il Centro Marino Internazionale (IMC – International Marine Centre) di Oristano, sta portando avanti un’attività di ricerca che mira ad affrontare i temi chiave dell’acquacoltura del futuro. L’acquacoltura integrata (IMTA - Integrated multi-trophic aquaculture) rappresenta un modello di acquacoltura che si sviluppa proprio nell’ottica della riduzione degli inquinanti, del risparmio idrico, energetico e nella diversificazione delle produzioni. Il 5 maggio 2018 ad Oristano, si parlerà di questo e di tanti altri temi nell’ambito del progetto LAB BOAT.

Il seminario “Acquacoltura integrata, produrre nel rispetto dell’ambiente” sarà tenuto dal Dott. Dario Vallainc dell’IMC e si terrà presso la sede del Consorzio Industriale Provinciale di Oristano a partire dalle ore 9:00.

Il Dott. Vallainc affronterà i temi delle nuove frontiere dell’acquacoltura nel rispetto dell’ambiente, a partire dalla grande esperienza sarda. Parlerà, inoltre, della forte necessità di ampliare il pool di specie allevate e mostrerà come l’acquacoltura finalizzata al ripopolamento attivo e le moderne tecniche di acquacoltura integrata possano concorrere a ridurre gli impatti sull’ambiente di questo importante settore produttivo.

“Lab Boat - navigare con la scienza", è un progetto promosso e organizzato dal CRS4, finanziato dalla Fondazione di Sardegna.

Arriverà sabato a Oristano, al porto industriale di Santa Giusta con la sua barca a vela Adriatica. Oltre ad Oristano sono previste delle tappe nei porti di Cagliari, Olbia, Alghero e Carloforte. La barca Adriatica ospiterà le scuole e avrà accanto i laboratori, guidati da personale dei centri di ricerca e delle università della Sardegna coinvolti nel progetto Lab Boat. L’intero programma è disponibile sulla pagina ufficiale dell’evento LAB BOAT.