Parola chiave

Data

Categoria

Previous Next

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, che quest’anno coincide con l’inizio del decennio per il rispristino degli ecosistemi programmato dall’ONU, è stato presentato a livello nazionale il Contratto di Costa e delle Zone Umide Costiere, nato all’interno del progetto Maristanis e sottoscritto il 5 febbraio 2021 da dieci comuni che con i loro territori cingono il golfo di Oristano.

 

Previous Next

Da qualche anno la Fondazione cagliaritana MEDSEA è impegnata, con il progetto Maristanis, nella valorizzazione e tutela delle zone umide dell’Oristanese assieme a soggetti pubblici e privati nel campo della pesca, artigianato, agricoltura, cultura e turismo. Tra i progetti di tutela e sviluppo sostenibile, quello di ridurre l’impatto del consumo idrico nel settore agricolo e turistico, creando inoltre opportunità di sviluppo per economie circolari. 

Previous Next

Oristano, 10/02/2021 – Dieci comuni dell’Oristanese, l’Assessorato della Difesa dell’Ambiente della Regione Sardegna, la Provincia di Oristano e il Consorzio di Bonifica Oristanese si impegnano per la tutela delle zone umide del Golfo di Oristano e della Penisola del Sinis verso uno sviluppo più sostenibile del loro territorio. 

Previous Next

Il nuraghe di S’Urachi è un viaggio nel tempo e nel mistero che si disvela, un esercizio da porgere al pensiero per tenerlo attento sulla meraviglia della storia, sul ruolo che questa ha nel presente, sui possibili sentieri del futuro. Il cielo basso e grigio avvolge la campagna di San Vero Milis, le impone un’atmosfera di brughiera. Il nuraghe è un grumo di terra e sassi ricoperti di muschio secco, che si solleva incospicuo accanto alla strada provinciale. 

Previous Next

Nikole osserva in sella alla tavola il limbo grigio dove nascono le onde, schiacciato nella prospettiva sull’orizzonte. Il maestrale spazza le coste occidentali della Sardegna, il cielo è un capriccio di azzurro e nuvole torbide, basse. La serie si scioglie in un grumo compatto di creste che avanzano indistinte e si manifestano in parete sul picco. Nikole lascia passare la prima, troppo irruenta, ripida, ma gira la tavola e vi si distende.

Previous Next

Impossibile passare. Le transenne impediscono l’immissione nell’ultimo tratto della strada statale 49, quello che conduce alla peschiera e all’idrovora Sassu. Il disastro dello stagno di S’Ena Arrubia lo avevano annunciato lungo la strada alcuni campi della piana di Arborea. Sulle coltivazioni annegate si sono posati centinaia di uccelli, come in attesa che l’acqua lutulenta abbandoni lo stagno.

Previous Next

Per Sara Mirai è stata una porta chiusa nel mondo dell’estrazione mineraria ad aprire quella che si affaccia sul mercato della cosmesi: “lavoravo per una grande multinazionale. Quando questa è stata assorbita da un altro colosso tutti i contratti a tempo determinato sono stati interrotti. L’idea di avventurarmi nel mondo della cosmesi è stata pura reazione”.

Previous Next

Luci e ombre si contendono la chiesa di Santa Sofia, immersa nella quiete del mattino. Il sole scalda l’arenaria dell’alto campanile, lo esalta contro il cielo azzurro. La facciata resta in ombra, spicca il rosone gotico cerchiato di mattoni rossi, un grande occhio attento sulla simmetria dei portoni. Nessuno percorre le strade del centro di San Vero Milis, uno dei centri più ricchi di storia fra quelli che toccano le terre d’acqua di Maristanis.

Previous Next

I neofiti scendono con riluttanza gli scalini che danno accesso al lavoriero, la gabbia in cui vengono intrappolati i pesci. L’acqua torbida segna la profondità sulle magliette. I pescatori li aiutano ad accogliere la rete, che Paolo dipana e porge dalla sponda rialzata. Su pezzu, la rete attraversata agli estremi da fini tronchi di legno e misurata secondo l’antica tradizione con i passi, diventa fra le braccia sospese al busto un velo di raccolta concentrato nell’estremità della V dove termina uno dei segmenti convergenti della camera di cattura. 

© 2017 MEDSEA Foundation. All Rights Reserved.