Maristanis

    Un progetto di cooperazione internazionale per la definizione di un modello di gestione integrata delle zone umide e costiere del Golfo di Oristano; cofinanziato dalla Fondazione MAVA e coordinato dalla Fondazione MEDSEA in collaborazione con l'Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre". MARISTANIS si sviluppa in parallelo con altri tre progetti cofinanziati da MAVA in Tunisia, Montenegro e Albania.



    Le foto Vincitrici del Contest fotografico WWD 2020

    1° classificato

    Federico Pastore - Gabbiano roseo

    2° classificato

    Image

    Laura Deiana - Pivieri dorati

    3° classificato

    Image

    Gian Luca Furcas - Tre garzette

    Menzione speciale

    Maria Grazia Sechi - Lumaca

    Menzione speciale

    Anna Giordano -Sale e Porcus

    Menzione speciale

    Alessandro Piras - Fungo tra conchiglie

    NEWS

    Limolo, un porto d'armonia nel cuore di …

    31-05-2020

    Lo spesso manuale è aperto sulla pagina delle confetture. Segni e linee interrogano la ricetta, sono la prima forma di un processo di adattamento, di riformulazione. “Mi prendevano in giro...

    Read more

    Adattarsi alla crisi climatica: un drone…

    18-05-2020

    Il drone prende a ronzare, si stacca da terra spargendo polvere e piccoli sassi. Esita qualche istante, come a soppesare lo stato di volo, poi schizza verso l’alto, per diventare...

    Read more

    Agricoltura e zone umide, due armi contr…

    04-05-2020

    Trenta anni per scongiurare le guerre dell’acqua. Si potrebbe riassumere così, senza troppa paura di scadere nel sensazionalismo o nella fantapolitica, il messaggio contenuto nel rapporto mondiale delle Nazioni Unite...

    Read more

    Lontani ma uniti, il Club Friends of Mar…

    19-04-2020

    “Ci sono arrivate una marea di cancellazioni. Un cliente francese, che di solito viene a giugno, mi ha scritto ieri sul telefono, mortificato per non aver potuto confermare. Non è...

    Read more

    Responsabilità e speranza, la pesca in …

    15-04-2020

    “Stiamo facendo respirare lo stagno. Tutti i lavorieri sono aperti. Abbiamo visto i muggini entrare, soprattutto la notte e la mattina presto, ma è difficile dire quanto pesce avremo quest’anno...

    Read more

    In 50 anni non ho mai irrigato in febbra…

    08-03-2020

    “Le piante sono esauste, hanno dovuto affrontare mesi molto difficili”, racconta Monica Secci, agronoma di “Sa Marigosa”, mentre attraversa uno dei campi di carciofi della grande azienda agricola, distesa a...

    Read more

    Nasce "Friends of Maristanis"…

    20-02-2020

    Un club che coinvolga tutti gli attori economici affacciati sulle “terre d’acqua” dell’oristanese in un percorso comune di continuo miglioramento della sostenibilità ambientale. Nasce “Friends of Maristanis”, il volto privato...

    Read more

    Una mattina di educazione ambientale: l…

    12-02-2020

    “Ci stiamo divertendo molto, e poi è bello pensare di fare qualcosa per le zone umide, così ricche di specie. Io abito vicino a Marceddì, e vedo spesso i fenicotteri...

    Read more

    Il CRES, una clinica diffusa che salva l…

    11-02-2020

    Con le pinne “Crash” tocca le pareti della vasca, quasi volesse arrampicarsi. Galleggia con un piccolo angolo acuto rispetto alla superficie. Sarà necessario ancora un po’ di tempo per recuperare...

    Read more

    Fra minacce e opportunità: a Cabras un …

    11-02-2020

    Esperti, appassionati ambientalisti e curiosi cittadini: oltre cinquanta persone hanno partecipato venerdì 7 febbraio al convegno “La biodiversità mediterranea nel mare sardo: minacce, tutela, opportunità”, organizzato dalla fondazione MEDSEA all’interno...

    Read more

    Giornata Mondiale delle Zone Umide 2020…

    03-02-2020

    Due giorni per viaggiare nelle terre d’acqua di Maristanis e immaginarne il futuro. La Giornata Mondiale delle Zone Umide organizzata in Sardegna dalla fondazione MEDSEA, si è aperta sabato 1...

    Read more

    Lo stagno di Pauli Maiori, un tesoro cus…

    29-01-2020

    Il canneto è d’oro nella prima luce del mattino. Intorno resiste ancora, effimero, il grigio metallico dell’alba. Una pozza d’acqua circonda l’esile tronco di un giovane albero, là dove la...

    Read more

    Maristanis

    Un progetto di cooperazione internazionale per la definizione di un modello di gestione integrata delle zone umide e costiere del Golfo di Oristano; cofinanziato dalla Fondazione MAVA e coordinato dalla Fondazione MEDSEA in collaborazione con l'Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre". MARISTANIS si sviluppa in parallelo con altri tre progetti cofinanziati da MAVA in Tunisia, Montenegro e Albania.
    Stagno di Sale ‘e Porcus, Stagno di Mistras, Stagno di Cabras, Stagno di Pauli Maiori, Stagno di S’Ena Arrubia, Stagni di Corru S’Ittiri, Marceddì, San Giovanni
    Arborea | Arbus | Cabras | Guspini | Nurachi | Oristano | Palmas Arborea | Riola Sardo | San Vero Milis | Santa Giusta | Terralba

    Siti Ramsar: 77 km2  | Area Marina Protetta: 267 km2  | Siti "Natura 2000": 12 SIC/ZSC - 7 ZPS | Comuni: 1020,49 km2 | Costa: 140 km
    Image

    Maristanis

    Un progetto di cooperazione internazionale per la definizione di un modello di gestione integrata delle zone umide e costiere del Golfo di Oristano; cofinanziato dalla Fondazione MAVA e coordinato dalla Fondazione MEDSEA in collaborazione con l'Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre". MARISTANIS si sviluppa in parallelo con altri tre progetti cofinanziati da MAVA in Tunisia, Montenegro e Albania.

    Obiettivi

    Il progetto MARISTANIS si propone di ripristinare e proteggere le zone umide costiere del Golfo di Oristano attraverso i seguenti obiettivi specifici:






    Obiettivo 1

    Migliorare la conoscenza delle zone umide

    Obiettivo 1

    Le aree umide e il sistema del bacino idrografico di Oristano rappresentano un sistema ecologico unico per i suoi servizi ecosistemici. Sono una riserva di biodiversità, conservano i valori culturali del territorio e svolgono un'azione di mitigazione del cambiamento climatico. È importante migliorare la conoscenza di questi ecosistemi e del loro ruolo.







    Obiettivo 2

    Realizzare una gestione integrata delle zone umide costiere

    Obiettivo 2

    La sfida più importante di questo obiettivo è trasformare gli strumenti legislativi e regolamentari già esistenti in piani di gestione efficaci in accordo con il contesto locale, sviluppando adeguate competenze a tutti i livelli amministrativi, a partire dai comuni coinvolti, al fine di implementare una governance efficace del territorio.






    Obiettivo 3

    Ridurre le minacce sugli ecosistemi marini

    Objective 3

    Le autorità locali e regionali dovranno cooperare con i ricercatori nell’identificazione di specifici piani e azioni per assicurare e promuovere la persistenza dei processi che avvengono all’interno del sistema costiero tra le zone marine e terrestri.






    Obiettivo 4

    Promuovere una gestione ed un uso efficiente delle risorse idriche

    Obiettivo 4

    Differenti pressioni influiscono negativamente sulle acque e gli ecosistemi ad esse correlati. L’obiettivo è quello di migliorare la qualità dell’acqua e ridurre il suo consumo attraverso il potenziamento delle competenze delle pubbliche amministrazioni nella gestione dell’acqua e nel suo uso sostenibile.






    Obiettivo 5

    Ridurre il rischio derivante dalle fonti di inquinamento

    Obiettivo 5

    Differenti pressioni influiscono negativamente sulle zone umide e fiumi collegati, sia di natura qualitativa sia quantitativa. L’obiettivo è l’eliminazione, quando possibile, o la riduzione delle fonti inquinanti attraverso il rafforzamento delle azioni dell’amministrazione pubblica nella promozione di misure sostenibili.






    Obiettivo 6

    Migliorare il livello di tutela di specie e habitat a rischio

    Obiettivo 6

    L’obiettivo mira a realizzare specifiche azioni per identificare, gestire e conservare gli habitat e le specie di particolare importanza (es. uccelli, anfibi e pesci).






    Obiettivo 7

    Valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico

    Obiettivo 7

    Il forte spopolamento e la perdita di attività economiche mettono a rischio le aree umide e costiere. Il valore di questi ecosistemi necessita di un'azione efficace per essere riconosciuto dagli stakeholder locali e dello sviluppo di attività economiche ed iniziative culturali, basate su una produzione sostenibile e servizi di ecoturismo che lo rafforzino.






    Obiettivo 8

    Aumentare la consapevolezza sull’importanza delle zone umide

    Obiettivo 8

    Sarà lanciata una campagna di sensibilizzazione, indirizzata agli stakeholder locali, sull'importanza delle aree umide con l'obiettivo di preservarle e tutelarle per migliorare la qualità della vita delle popolazioni locali e offrire al turista l'occasione di vivere un'esperienza a contatto con un ambiente incontaminato.

    Obiettivi

    Il progetto MARISTANIS mira a recuperare e tutelare le zone umide del Golfo di Oristano con i seguenti obiettivi specifici:

    Obiettivo 1

    Migliorare la conoscenza delle zone umide

    Le aree umide e il sistema del bacino idrografico di Oristano rappresentano un sistema ecologico unico per i suoi servizi ecosistemici. Sono una riserva di biodiversità, conservano i valori culturali del territorio e svolgono un'azione di mitigazione del cambiamento climatico. È importante migliorare la conoscenza di questi ecosistemi e del loro ruolo.

    Obiettivo 2

    Realizzare una gestione integrata delle zone umide costiere

    La sfida più importante di questo obiettivo è trasformare gli strumenti legislativi e regolamentari già esistenti in piani di gestione efficaci in accordo con il contesto locale, sviluppando adeguate competenze a tutti i livelli amministrativi, a partire dai comuni coinvolti, al fine di implementare una governance efficace del territorio.

    Obiettivo 3

    Ridurre le minacce sugli ecosistemi marini

    Le autorità locali e regionali dovranno cooperare con i ricercatori nell’identificazione di specifici piani e azioni per assicurare e promuovere la persistenza dei processi che avvengono all’interno del sistema costiero tra le zone marine e terrestri.

    Obiettivo 4

    Promuovere una gestione ed un uso efficiente delle risorse idriche

    Differenti pressioni influiscono negativamente sulle acque e gli ecosistemi ad esse correlati. L’obiettivo è quello di migliorare la qualità dell’acqua e ridurre il suo consumo attraverso il potenziamento delle competenze delle pubbliche amministrazioni nella gestione dell’acqua e nel suo uso sostenibile.

    Obiettivo 5

    Ridurre il rischio derivante dalle fonti di inquinamento

    Differenti pressioni influiscono negativamente sulle zone umide e fiumi collegati, sia di natura qualitativa sia quantitativa. L’obiettivo è l’eliminazione, quando possibile, o la riduzione delle fonti inquinanti attraverso il rafforzamento delle azioni dell’amministrazione pubblica nella promozione di misure sostenibili.

    Obiettivo 6

    Migliorare il livello di tutela di specie e habitat a rischio

    L’obiettivo mira a realizzare specifiche azioni per identificare, gestire e conservare gli habitat e le specie di particolare importanza (es. uccelli, anfibi e pesci).

    Obiettivo 7

    Valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico

    Il forte spopolamento e la perdita di attività economiche mettono a rischio le aree umide e costiere. Il valore di questi ecosistemi necessita di un'azione efficace per essere riconosciuto dagli stakeholder locali e dello sviluppo di attività economiche ed iniziative culturali, basate su una produzione sostenibile e servizi di ecoturismo che lo rafforzino.

    Obiettivo 8

    Aumentare la consapevolezza sull’importanza delle zone umide

    Sarà lanciata una campagna di sensibilizzazione, indirizzata agli stakeholder locali, sull'importanza delle aree umide con l'obiettivo di preservarle e tutelarle per migliorare la qualità della vita delle popolazioni locali e offrire al turista l'occasione di vivere un'esperienza a contatto con un ambiente incontaminato.

    LA CONVENZIONE DI RAMSAR

    La Convenzione di Ramsar è un trattato intergovernativo che fornisce il quadro per la conservazione e l' uso sostenibile delle zone umide. La Convenzione fu adottata nella città iraniana di Ramsar nel 1971 ed entrò in vigore nel 1975. Da allora quasi il 90% degli Stati membri delle Nazioni Unite, provenienti da tutte le regioni geografiche del mondo, hanno aderito alla Convenzione di Ramsar e sono diventati "parti contraenti". I siti Ramsar sono cosi definiti perché soddisfano i criteri per l'identificazione delle zone umide di importanza internazionale.

    LA CONVENZIONE DI RAMSAR

    La Convenzione di Ramsar è un trattato intergovernativo che fornisce il quadro per la conservazione e l' uso sostenibile delle zone umide. La Convenzione fu adottata nella città iraniana di Ramsar nel 1971 ed entrò in vigore nel 1975. Da allora quasi il 90% degli Stati membri delle Nazioni Unite, provenienti da tutte le regioni geografiche del mondo, hanno aderito alla Convenzione di Ramsar e sono diventati "parti contraenti". I siti Ramsar sono cosi definiti perché soddisfano i criteri per l'identificazione delle zone umide di importanza internazionale.

    I siti Ramsar nel Golfo di Oristano

    Il territorio del Golfo di Oristano vanta 7.705 ettari di zone umide Ramsar di importanza internazionale (oltre il 60% dell’intero patrimonio della Sardegna) che si sviluppano lungo i 200 km di costa che da Capo Mannu si estendono sino all’area lagunare di Marceddì.

    Le zone umide sono

    • preziosi serbatoi di biodiversità, data la presenza di numerose specie animali e vegetali
    • svolgono un’importante funzione idrogeologica e di fitodepurazione naturale.
    • rappresentano inoltre una notevole risorsa per la produttività ittica e per il turismo.
    Stagno di Sale'e Porcus (330 ha)

    Stagno di Sale'e Porcus (330 ha)

    Stagno costituito da un vasto complesso di lagune stagionali e saline che si asciugano in estate. La vegetazione è quella tipicamente alofila rappresentata da un esteso salicornieto. Il sito è una delle zone umide più importanti del Mediterraneo per la sosta dei fenicotteri rosa. Vari altre specie di uccelli migratori sostano e nidificano nel sito.

    Stagno di Cabras (3.575 ha)

    Stagno di Cabras (3.575 ha)

    Lo stagno più vasto della Sardegna. Costeggia il territorio del Sinis ad ovest con formazioni dunali nelle quali si formano paludi e piccoli stagni temporanei. La vegetazione è costituita da varie piante alofile, specie sommerse e canneti emergenti. Il sito è importante per la sosta, nidificazione e svernamento di varie specie di uccelli acquatici, con una massiccia presenza del fenicottero rosa.

    Stagno di Mistras (680 ha)

    Stagno di Mistras (680 ha)

    Laguna che si sviluppa lungo la costa orientale del Sinis e delimitata dalla piana costiera e dal mare del Golfo di Oristano. Gli isolotti all'interno dell'area lacustre consentono una buona strutturazione della vegetazione e rappresentano un ottimo habitat per la conservazione dell'avifauna. La laguna è ricca di molluschi bivalvi e pesci.

    Stagno di S'Ena Arrubia  (223 ha)

    Stagno di S'Ena Arrubia (223 ha)

    Laguna d'acqua dolce, unica parte rimanente di un ampio complesso di paludi e lagune, convertito in area destinata all'agricoltura negli anni Trenta del '900. La vegetazione è costituita da varie piante alofile, specie sommerse e canneti emergenti. Area importante per la sosta, nidificazione e svernamento di numerose specie di uccelli acquatici.

    Stagno di Corru S'Ittiri, Stagni di San Giovanni e Marceddì (2.610 ha)

    Stagno di Corru S'Ittiri, Stagni di San Giovanni e Marceddì (2.610 ha)

    Tre lagune costiere di salinità variabile parzialmente separate dal mare da un sistema di dune: quella di Corru S'Ittiri è parallela al mare, mentre quelle di Marceddì e San Giovanni sono ubicate in successione ed in direzione perpendicolare alla linea di costa. La vegetazione è costituita da ampi canneti e piante alofitiche. In questi siti è presente una ricca fauna ittica.

    Stagno Pauli Maiori (287 ha)

    Stagno Pauli Maiori (287 ha)

    Piccola laguna a bassa salinità circondata da ampi canneti il cui unico afflusso è costituito dallo scolo delle acque reflue derivate dall'irrigazione agricola. Il sito è caratterizzato da diversi tipi di vegetazione tipica delle acque dolci debolmente salmastre e dell’acqua salmastra. Presenza di specie ornitiche di valore zoogeografico internazionale.

    Partners

    Cofinanziato da
    Cofinanziato da
    Coordinato da
    Coordinato da
    Con la collaborazione di
    Con la collaborazione di
    Con il supporto tecnico e scientifico di
    logomedpanpic.jpg
    medwepic.jpg
    Image
    pb-pantone-pic.jpg
    pappic.jpg
    medina_logo_pic.jpg
    Image
    Image

    Contatti

    MEDSEA - Mediterranean Sea and Coast Foundation 
    Via Nazario Sauro, 1 - 09123 Cagliari (CA) - Italia  
    Tel. 070 0950439
    info@medseafoundation.org 
    www.medseafoundation.org 
    www.facebook.com/medseafoundation
    Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre"   
    Sede Legale: P.zza Eleonora, 1 | Direzione: C.so Italia, 108 09072 Cabras (OR) - Italia Tel. +39(0)783 391097 
    www.areamarinasinis.it 
    www.facebook.com/ampsinis
    © 2017 MEDSEA Foundation. All Rights Reserved.